D&D 5 e i PUNTI FERITA: Il riposo, la guarigione e la morte.

Torniamo a parlare di regole FONDAMENTALI (sopratutto per i giocatori).

Durante le nostre sessioni esistono molte cause che possono farci perdere i nostri amati Punti Ferita, ma ben poche che possano farceli recuperare.
Eccoli:

  • Il Riposo breve

    Il Gruppo si riposa dopo un combattimento particolarmente impegnativo o per mancanza oggettiva di risorse per continuare… tenete sempre presente che D&D è un gioco, non è la vita reale, quindi non obbligate i personaggi a continuare in estenuanti combattimenti se le loro risorse (punti ferita, slot incantesimi ecc ecc) sono quasi a zero.

  1. Dedicare 1 ora di Inattività per riposarsi, certo deve essere in una situazione/contesto logico, non ci si può riposare circondati da nemici.
  2. Usare uno o più Dadi Vita al termine di un riposo breve per recuperare punti ferita, si Somma il bonus di COS per ogni tiro (ogni classe ha il suo dado vita).

 

  • Riposo Lungo

    Un riposo lungo è un periodo di inattività pari ad almeno 8 ore in cui il personaggio dorme almeno 6 ore e svolge non più di 2 ore di attività poco impegnative (tra cui montare la guardia)

    Riassumendo:

  1. 8 ore di Inattività – di guardia per non più di 2 ore
  2. un personaggio recupera tutti i punti ferita persi (esistono delle eccezioni per cause come avvelenamento o come risultato di danni da  certi mostri).
  3. Recupera i Dadi Ferita spesi, fino ad un numero pari alla metà del totale di Dadi Ferita posseduti.
  • Cura ferite tramite Magia

  1. Tramite incantesimi (Chierici e Druidi ne hanno) è possibile recuperare parte o tutti i punti ferita persi in precedenza.

 

  • Stabilizzare una Creatura morente

    Quando un personaggio arriva a ZERO punti ferita perde i sensi , a meno muore , un compagno può provare a stabilizzarlo per evitare di farlo morire, per farlo deve:

  1. Effettuare una prova di Saggezza (Medicina) con CD 10.
  2. Una creatura stabile non effettua tiri salvezza da morte, anche se ha 0 punti ferita, ma resta priva di sensi.
  3. Una creatura stabile che non viene guarita recupera 1 punto ferita dopo 1d4 ore.

 

  • Tiro Salvezza del Personaggio quando si scende sotto i ZERO punti ferita.

  1. Con 0 PF tiro salvezza da morte che non è legato ad alcun punteggio di caratteristica. 10 o più, lo superi.
  2. Al tuo terzo successo sarai stabile (vedi sotto).
  3. Al terzo fallimento, morirai. Se tiri 1 subisci 2 fallimenti se tiri 20 recuperi un punto ferita.

 

  • Danno a 0 Punti Ferita

  1. Se subisci qualsiasi ammontare di danno mentre sei a 0 punti ferita, è come se avessi fallito un tiro salvezza da morte.
  2. Se il danno è provocato da un colpo critico, è come se avessi subito due fallimenti.
  3. Se il danno è uguale o superiore ai tuoi punti ferita massimi, sarai vittima di morte istantanea.
  • Mettere K.O. una Creatura

  1. L’attaccante può effettuare questa scelta quando attacca, quandi il nemico arriva a ZERO  punti ferita cade priva di sensi ed è stabile (non muore)
  • Punti Ferita Temporanei

  1. Non sono cumulabili con altri PF temporanei da fonti diverse (ma puoi scegliere il migliore).
  2. Non valgono come cura ferite.
  3. Se hai 0 punti ferita, ricevere punti ferita temporanei non ti fa riprendere i sensi né ti stabilizzerà. Potranno comunque assorbire i danni che ti vengono inflitti mentre sei in quello stato

Altre regole affrontate prima:

2 thoughts on “D&D 5 e i PUNTI FERITA: Il riposo, la guarigione e la morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.